giovedì 25 ottobre 2012

Rischi e pericoli

Il leone è mortalmente pericoloso per gli esseri umani e per altri animali.
Il rischio che io venga mangiata da un leone, abitando in questa landa, è quasi nullo, perché il rischio è la risultante della matrice "effetti dell'esposizione al pericolo" e "probabilità dell'evento". E questa è la fase "valutazione del rischio".
La fase "prevenzione del rischio", qualora non si possa eliminare il pericolo in sé, consiste nel mettere in atto misure protettive che abbassino e eliminino il rischio.
Se abitassi nella savana e non potessi uccidere il leone, la mia prevenzione consisterebbe nell'accendere un bel fuoco. Se fossi un lavoratore di uno zoo, la mia prevenzione consisterebbe nel non scavalcare le inferriate della gabbia all'uopo predisposte.
Il leone continuerebbe ad essere pericoloso, ma il rischio che io diventi cibo per lui sarebbe trascurabile.

Il compito della Commissione Grandi Rischi era di valutare e prevenire i rischi.

mercoledì 24 ottobre 2012

martedì 23 ottobre 2012

Orionidi 2012

A volte, mi piace intercalare la lettura di saggistica con polizieschi: è la mia lettura d'evasione.
Devono avere non più di duecento pagine, cosicché possa finirli in un pomeriggio, non mi piace smettere di leggere senza sapere com'è andata a finire. Porcapaletta, da quando devo usare gli occhiali da lettura ho un limite: dopo quattro ore comincio a sentire gli occhi duri e devo smettere.
Stamattina, quando ho letto la lista Lagarde, ho maledetto le trecentocinquanta pagine de "L'esattore" di Petros Markaris  perché non so com'è risolto, però ho capito perché mi inquietava: titillava quella parte di me che vorrebbe una pioggia di meteoriti con buona mira.
Che poi, se ne avanzasse qualcuna, c'è sempre Finmeccanica e dintorni. 

giovedì 18 ottobre 2012

martedì 16 ottobre 2012

Sentine

Stamattina guardavo incantata i gesti meticolosi e precisi del tecnico che stava facendo la manutenzione alla mia caldaia. Mentre lo osservavo cercavo di capire come funzionava quel meccanismo che di solito è chiuso nella sua carrozzeria bianca: adoro capire come funzionano i meccanismi, da sempre.
Particolarmente come funzionano le organizzazioni umane.
E come funziona CL  ho cominciato a capirlo vent'anni fa.
Quando mi permettevo considerazioni poco lusinghiere venivo subito derubricata ne: la solita anticlericale. Anche perché non potevo dimostrare nulla e rosicavo, quasi silente, alla vista di politici e rappresentanti delle Istituzioni che ogni anno andavano a Rimini a porgere gli omaggi a quella organizzazione che dentro di me era classificata, non unica, nel cassetto "familismo amorale".
Così mi sono messa in attesa che il tombino saltasse e pare che qualche liquame stia cominciando a uscire.  

lunedì 15 ottobre 2012

domenica 14 ottobre 2012

...il brano che ho tratto da Micromega (Giovanni Colombo, Dal vento del Concilio alla tabula rasa – pagg. 25-36) mi pare dia ottima spiegazione del fatto che solo considerando benevolmente il modello settario di Cl si può ritenere che Roberto Formigoni ne sia un momento di degenerazione...

Il resto del post dell'icastico Malvino qui.

giovedì 11 ottobre 2012

Formigoni: "La Giunta della Lombardia è azzerata, ora provvederò al rimpasto, sempre con uomini Pdl e Lega".

Alfano: "Non si può mandare a casa una giunta che ha governato bene. Abbiamo fiducia in Formigoni, la sua è una scelta di rottura rispetto ai casi gravi accaduti, ma anche di continuità con il buon governo”.

Maroni: "Non ho mai chiesto il voto ad aprile. Se Formigoni si fosse dimesso, si sarebbe votato entro 90 giorni e non in aprile”.

Link

mercoledì 10 ottobre 2012

Colpo d'occhio

Alle donne di età e di esperienza come me basta guardare un uomo per farsene un'idea, per sapere se è un pirla o no. Per sapere se votarlo alle primarie, per esempio, o no.
Se affidargli una grande azienda, o no.
Ecco, ora mi trovo a dover fare una graduatoria fra chi è più pirla.
Sopravviverò, certo, ma che noia.

martedì 9 ottobre 2012

sabato 6 ottobre 2012

giovedì 4 ottobre 2012

La grande "dolore cosmico", donna cupa e sagace, per definire la mia propensione naturale ad essere di buon umore mi diceva quasi ogni mattina: "Lei si è svegliata con le margherite nelle orecchie".
Anche stamattina avevo le margherite al loro posto. Poi, nel pomeriggio, il lavoro mi ha costretto a recepire l'ennesimo sistema di rendicontazione economica che la Regione richiede agli organismi accreditati.
Mentre le slides scorrevano, non potevo far a meno di pensare a Daccò, all'"eccellenza" del sistema sanitario lombardo.
L'umore però è virato, e ancora non sono riuscita a raddrizzarlo, quando mi è sembrato di vedere la foto di Formigoni che si tuffava dallo yacht di Daccò in dissolvenza tra una slide e l'altra.

martedì 2 ottobre 2012

Non ci sono più le mezze stagioni

La mia esuberante e amatissima gardenia ha deciso di rifiorire a ottobre, signora mia.

lunedì 1 ottobre 2012


Vedi il lago dal lago